News

Se il continuo abbaiare di un cane, custodito nell’appartamento condominiale, supera la normale soglia di tollerabilità, ed il condomino non si attiva per risolvere tale situazione, lo stesso è obbligato al risarcimento dei danni patiti da uno dei condomini.

(Ordinanza del Tribunale di Brescia n. 427/2014) L’amministratore condominiale può chiedere un provvedimento di urgenza al giudice per ottenere l’autorizzazione alla sospensione dell’erogazione del servizio di fornitura dell’acqua nei confronti dei condomini morosi in virtù di quanto sancito dall’articolo 63 delle Disposizioni di attuazione del codice civile.

Da oggi è possibile scaricare dal nostro sito il Vademecum operativo per l’IVA agevolata in edilizia.

Scarica il file

Il D.P.R. 74/2013 (16 aprile 2013, n.74 pubblicato in G.U. Serie Generale n.149 del 27-6-2013) ha ridefinito il Regolamento recante la definizione dei criteri generali in materia di esercizio, conduzione, controllo, manutenzione e ispezione degli impianti termici per la climatizzazione invernale ed estiva degli edifici e per la preparazione dell’acqua calda per usi igienici sanitari. Il testo del Decreto è consultabile sul sito della Gazzetta Ufficiale (>>clicca qui<<)

Memorandum

Proprietari di casa ed amministratori di condominio segnatevi questa data: 1° giugno 2014. Fra pochi giorni, ogni impianto di riscaldamento e raffrescamento, dovrà essere accompagnato da una nuova carta di identità in grado di raccontare tutta la vita dell’apparecchio (installazione, verifiche, rottamazione).

In un condominio l’assemblea decideva una particolare modalità di ripartizione delle spese per il servizio di erogazione dell’acqua potabile.

In breve: le spese per l’acqua potabile erano suddivise in proporzione al numero degli occupanti delle unità immobiliari, con esonero di quelle risultanti, a seguito di indagini dell’amministratore, disabitate.

In tema di condominio negli edifici, nel caso di mancanza di tabelle millesimali e di decisione dell’assemblea di ripartire le spese in via provvisoria secondo particolari criteri scelti ad hoc, la deliberazione deve considerarsi annullabile e come tale impugnabile nei modi e nei termini di cui all’art. 1137 c.c.

L’approvazione delle tabelle millesimali così come la loro revisione possono essere deliberate a maggioranza dall’assemblea.

Il Decreto Legge n. 145/2013 c.d. “Destinazione Italia” è stato convertito in legge lo scorso 19/02.

Informativa privacy

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.