La dichiarazione dei redditi precompilata si avvia a spegnere le tre candeline nel 2018 con un nuovo pacchetto di informazioni maggiormente dettagliato rispetto agli anni precedenti. A partire dal bonus mobili, passando per la cessione del credito per i lavori di ristrutturazione o di risparmio energetico su parti comuni degli edifici condominiali fino ad arrivare alle pensioni complementari e ai rimborsi di spese mediche.

È l’effetto dell’aggiornamento delle modalità di trasmissione delle informazioni messo a punto dall’agenzia delle Entrate. A questo obiettivo di una maggiore completezza delle comunicazioni, si aggiungono poi per la prima volta: le spese sostenute per l’iscrizione e la frequenza di asili nido e le erogazioni liberali che saranno comunicate dagli enti del Terzo settore ma solo in via facoltativa.

L’acquisto di mobili con bonifico

Per distinguere meglio e quindi avere un dato più preciso precaricato nel modello 730 – o almeno nel foglio informativo che accompagna la precompilata – è stata prevista una causale a parte nella comunicazione a carico degli intermediari bancari per mobili e arredi pagati con bonifico per i quali si ha diritto alla detrazione fiscale del 50% qualora, però, siano stati effettuati lavori di ristrutturazione che danno diritto sempre allo sconto Irpef.

La cessione del credito per lavori condominiali

Altra informazione aggiuntiva che potrebbe conoscere la precompilata 2018 è quella se il contribuente ha deciso di avvalersi della cessione del credito che gli spettava per le spese di ristrutturazione o di risparmio energetico su parti comuni di lavori condominiali. Anche in questo caso con l’aggiornamento delle regole di trasmissione, a carico degli amministratori di condominio, il dato dovrebbe essere distinto e quindi il Fisco potrebbe tenerne conto nell’elaborazione della precompilata.

Visit Us On TwitterVisit Us On Facebook